Il Rubik di Silvia

Ci sono giorni in cui uno si sveglia sentendosi come un cubo di Rubik: cercando di far coincidere i colori su ogni faccia del cubo.

Per chi non se lo ricorda, è un celebre rompicapo, inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernö Rubik nel 1974. Chiamato originariamente Magic Cube (Cubo magico) dal suo inventore, il rompicapo fu rinominato in Rubik’s Cube (Cubo di Rubik). È il giocattolo più venduto della storia, con circa 300 milioni di pezzi venduti, considerando anche le imitazioni.

Il Cubo di Rubik presenta 9 quadrati su ognuna delle sue 6 facce, per un totale di 54 quadrati. Solitamente i quadrati differiscono tra loro per il colore, con un totale di 6 colori differenti. Quando il Cubo di Rubik è risolto, ogni faccia ha tutti i nove quadrati dello stesso colore.

Come dicevo all’inizio di questo post, ci sono giorni in cui uno si sveglia sentendosi un cubo di Rubik irrisolto, si guarda dentro e vede un miscuglio di verde (speranza), giallo (pazzia), rosso (passione), bianco (purezza), blu (calma) e arancione (creatività). La voglia e la smania di far andare tutti i colori al loro posto in solo 6 minuti come alcuni geni fanno, ti prendono la mente e ti chiedi: “Com’è possibile che ci sia gente a questo mondo che lo fa tutto bene, anzi in modo eccellente, e sia sempre perfettamente ordinato con i suoi colori e le sue emozioni tutte belle allineate e al loro posto?”

Il mio cubo di Rubik, per non parlare del mio percorso di vita, è assolutamente mescolato, disordinato, ingarbugliato. Ogni tanto riesco a mettere in fila qualche colore, mi entusiasmo e cerco di metterli tutti in ordine e di risolvere così il rebus della mia vita, ma immancabilmente scombino tutto e quel poco che era stato risolto ritorna al suo stato naturale: il caos.

Dopo un po’ ci si abitua, al caos – dico. Forse nel mio caso, sarebbe sicuramente monotono e poco creativo avere sempre tutto in ordine e risolto. Dal miscuglio, dal caos nascono sempre soluzioni brillanti, storie fantastiche – mi ripeto.

Mi ci abituo meno, invece, ad avere il Rubik irrisolto, forse perché è la rappresentazione grafica della mia vita: viverla non è la stessa cosa che contemplarla. Il caos lo vivi, te ne fai una ragione e impari a zigzagare tra un colore e un altro, tra un’emozione e un’altra, tra un problema e un altro, ma la contemplazione statica, la riflessione sul come e il perché mi procura un certo fastidio. Fastidio che ho risolto nella seguente maniera: il Rubik col caffè.

Guardate la foto!

Rubik al caffé

Rubik al caffé

In questo modo non importa se i colori si ribellano alla mia ansia di ordine, così come le mie emozioni si ribellano a essere ingabbiate, ordinate in bella fila: su ogni faccia del mio Rubik, così come in ogni circostanza, problema, evento della mia vita, c’è sempre una bella tazza di caffè bollente ad aspettarmi.

Silvia.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.